1

Hai dolore davanti l’orecchio? Magari ti si irradia alla tempia o alla mandibola? Senti rumori quando apri e chiudi la bocca? Oppure hai difficoltà ad aprirla? Potresti essere affetta/o da una patologia a carico dell’articolazione della mandibola. I disordini temporo-mandibolari e muscolari sono un gruppo di patologie che causano dolore e disfunzione nell’articolazione temporo-mandibolare e nei muscoli a lei annessa. Ne soffrono circa il 15% della popolazione e colpisce con maggior frequenza le donne.

Usualmente il dolore all’ATM (articolazione temporo-mandibolare) ed ai muscoli masticatori non viene considerato una patologia rilevante. Generalmente il discomfort è inizialmente occasionale e temporaneo, spesso anche ciclico. Negli stadi iniziali il dolore passa con lievi trattamenti ma se trascurato può tramutarsi in dolore cronico persistente molto invalidante. Se hai domande riguardanti i disordini temporomandibolari non sei il solo. Una diagnosi tempestiva può risolvere il problema semplicemente con l’uso di un bite o di una fisioterapia mirata. Ma se la malattia progredisce si può andare incontro a disfunzioni importanti con dolori severi loco-regionali, cefalea, cervicalgia che peggiorano sensibilmente la qualità della vita.

Tali disordini possono essere causati da traumi in regione mandibolare ma anche da perdita di elementi dentari posteriori o malocclusioni dentali che causano una perdita di altezza verticale della mandibola con conseguente sovraccarico della ATM.

Per questo motivo molte volte basta mettere a riposo questa articolazione introducendo tra le arcate dentarie uno splint in resina (cosi come avviene con i plantari per problemi di postura) che i legamenti infiammati guariscono ed il paziente risolve il problema.

Alcune volte però la risoluzione del problema non è cosi semplice oppure la diagnosi e il trattamento non essendo stati precoci si deve ricorrere a metodi chirurgici microinvasivi (artrocentesi, artroscopia, chirurgia funzionale del disco)